Casper

Con la sua mamma adottiva Samantha

Aveva solo 2 anni e 1/2, era buono, socievole, coccoloso, arrivò a casa con un occhietto malato, si fece curare senza mai lamentarsi e pesava come un soldo di cacio. Era riuscito a farsi un gatto amico, che il giorno della sua morte per via di un incidente con una macchina che gli ha fracassato il cranio, è venuto a cercarlo, dato che non lo aveva visto per tutta la notte. Veniva sul letto per farsi fare un mare di coccole e poi se ne stava ai piedi del letto dormendo come un gatto beato. Potevi spostarlo e metterlo in un altro posto senza che nemmeno si svegliasse, tanta era la sua fiducia in noi. Ogni sera scendeva a salutare mio marito entrando nel garage e saltando sulle automobili ed ora ho ancora le sue zampine sul cruscotto. Ci manca tanto, perché era unico e dolce. Un gatto rustico ma che si faceva voler bene.